Verde: il colore della vita

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Le Banquet (2011- in corso) è una delle opere di Ivana Adaime Makac, artista argentina, che abbiamo scelto per il nostro tool-kit flowknow®. 

Ivana incorpora nelle sue composizioni molteplici organismi viventi: insetti, locuste e grilli prendono parte a un banchetto di frutti, fiori, verdure e altri tipi di vegetali in una rigogliosa scultura/habitat. 

Le Banquet, in particolare, pone l’accento sui cicli vitali e sul concetto di addomesticazione e dis-domesticazione. Le opere sono caratterizzate da una dimensione performativa in cui l’artista, dopo aver creato l’opera, deve assistere gli animali che ne fanno parte e mantenere l’habitat vivibile, diventando così lei stessa un elemento integrante del ciclo vitale della composizione. 


Leggi anche: Intelligenza Emotiva: un fattore chiave nell’apprendimento dell’adulto


Osservando Le Banquet si manifesta subito alla mente il concetto di vita, di natura rigogliosa, di freschezza e giovinezza.

Ma, ci siamo chiesti, qual è il contributo del colore in questo processo che evoca alla mente un concetto ben preciso? Basterebbe immaginare la fotografia in bianco e nero per renderci subito conto dell’importanza dell’elemento cromatico nel veicolare una sensazione o un’idea.

Nell’ottica di riflettere sul significato del colore, quindi, ci piacerebbe condividere in un breve excursus qualche approfondimento sul verde. 

Il colore Verde

Il verde è uno dei colori secondari, insieme al viola e all’arancio, ottenuto dall’incontro tra i pigmenti blu e giallo. Il suo significato è riconducibile alla rigenerazione, alla buona sorte, alla speranza, ma anche all’invidia

I latini sapevano estrarre la tintura verde per tessuti e dipinti, ma questo colore veniva considerato ‘barbaro’ e per questo usato nei teatri per vestire personaggi rozzi e comici.  

Nei primi secoli dell’era cristiana il verde cominciò ad essere utilizzato nella vita quotidiana. Le difficoltà tecniche nel fissare il verde sul tessuto, tuttavia, limitavano l’applicazione all’abbigliamento femminile, più colorato rispetto a quello maschile. 

Il verde nella storia dell’arte

Nella pittura medioevale cristiana veniva spesso dipinta di verde la croce di Cristo, in quanto immagine di resurrezione e rigenerazione del genere umano. Ancor oggi, nella liturgia cattolica, il verde è il colore indossato dai sacerdoti per le celebrazioni del tempo ordinario. 

Da qui il colore verde ha cominciato ad essere associato alla buona sorte e alla speranza: i neonati venivano avvolti in lenzuoli verdi, nel Medioevo le ragazze in cerca di marito sceglievano di indossare abiti di questo colore e poi, si vestivano di verde durante la gestazione. Il ritratto dei coniugi Arnolfini di Jan van Eyck (1434-1435), mostra una donna incinta in abiti verdi, attributi del suo stato di nobildonna e futura madre.

Il verde come simbolo

In psicologia il verde indica una personalità stabile, tranquilla e ambiziosa. Fu Goethe, per primo, nella sua Teoria dei colori a considerare i toni del verde come rasserenanti e a raccomandarne l’uso in locali destinati al riposo e al convivio. 

Il suo utilizzo è stato destinato a rappresentare cause ecologiche, ambientaliste e in generale legate al rispetto della natura e al benessere della persona, come ad esempio il Caduceo, simbolo dell’ordine dei medici.

PANTONE ha individuato nella sfumatura Greenery il colore dell’anno 2017. Leatrice Eiseman, Executive Director di Pantone Color Institute lo descrive come il colore della rassicurazione, della giovinezza e del legame con natura, in un momento storico in cui il contatto con l’ambiente è diventato quanto mai necessario.

In questi mesi di smart working, sessioni su Zoom e fitness sui Social, quanto ci è mancato il verde della natura, che nella dimensione cittadina trova la sua espressione nei parchi, nei prati, negli alberi? 

Il colore rappresenta un importante veicolo di concetti ed emozioni ed è per questo una delle principali fonti di ispirazione da cui trarre spunto in qualsiasi ambito. Noi, ad esempio, ce ne serviamo per facilitare le sessioni di Coaching: in quanto elemento visuale di forte impatto, il colore è infatti di grande supporto nel processo di indagine della dimensione emotiva del cliente.

E tu, come trai ispirazione dal colore nella tua vita personale e professionale?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Iscriviti alla newsletter